CemAmbiente

Il PAN dei PARCHI in vendita nei panifici del territorio

Dopo le mense scolastiche arriva anche nei panifici. È il Pan dei Parchi che, da questa settimana, viene venduto al dettaglio in alcuni panifici del territorio. Si tratta del pane, prodotto nelle tre tipologie bianco, integrale  e “a pietra” realizzato grazie al progetto Tre Parchi in filiera incentrato sulla produzione e valorizzazione dei prodotti del territorio e del sistema agricolo che c’è dietro.

La presentazione è stata fatta domenica 25 settembre, nell’ambito della Festa dell’Aia a Vimercate, dove è anche stato spiegato come il Pan dei Parchi sia un’evoluzione e rilancio dell’esperienza del Pane Parcomolgora che ha previsto una riorganizzazione della filiera e un nuovo nome, Pan dei Parchi appunto.

Durante la Festa dell’Aia di Vimercate il Pan dei Parchi è stato utilizzato sia per il pranzo che per i panini in vendita. Uno stand informativo del progetto ha fornito notizie ai curiosi su produzione e distribuzione; inoltre, per i più piccoli, il laboratorio di panificazione «Mani in pasta». 

Da lunedì scorso il Pane dei Parchi è in vendita nei seguenti punti (aziende e panifici):

  • Azienda agricola Frigerio, via Manin 25, Vimercate, tel. 039 6084506
  • L’angolo del pane, via Paterini 5, Consorezzo, tel. 039 6040410
  • L’angolo del pane, via Prinetti 33 Bernareggio, tel. 039 6884415
  • L’angolo del pane, via Crispi 4, Vimercate, tel. 039 6614039
  • Panificio Villa, piazza della Repubblica 11, Bernareggio, tel 039 6900085

E anche possibile assaggiare i taralli realizzati con le farine del Pan dei Parchi a: Spazio Archinti, piazza Libertà 4, Mezzago, info@spazioarchinti.it

Per saperne di più sul Pan dei Parchi:

La zona di coltivazione del grano da destinare alla produzione del Pan dei Parchi comprende il territorio dei comuni consorziati o convenzionati ai Parchi del Rio Vallone, del Molgora e della Cavallera. Le aziende agricole che producono il grano da cui è ricavata la farina sono quattro: e azienda agricole di Fausto Frigerio di Vimercate di Ambrogio Confalonieri di Basiano, di Gianni Rota di Ornago, di Primo Baldini di Bellusco

I mulini che lavorano la granella sono due : uno utilizza la classica tecnologia a «laminatoio» (da cui si ottiene farina bianca tipo 0 e farina integrale tipo 1 e 2) ; uno con la macina a pietra, vera novità introdotta nel progetto. La farina prodotta, infatti, ha caratteristiche particolari per finezza e qualità organolettiche (la velocità inferiore della ruota mobile mantiene bassa la temperatura durante la molitura e impedisce il rischio di surriscaldamento della farina).

L’accordo tra i vari soggetti aderenti al progetto prevede che le aziende panificatrici (i panettieri) aderenti si impegnino ad acquistare la farina dalle aziende produttrici selezionate dai Parchi e a rispettare le modalità di  produzione (ingredienti, ricette, tipologie, formati) elencati nel progetto. Il risultato finale è un pane delizioso, con una crosta spessa e croccante, di colore ambrato e mollica di colore chiaro e morbida, in base al tipo di farina impiegata.

Il Pan dei Parchi viene distribuito già dai primi mesi del 2016 nella mensa delle scuola statali di Mezzago, grazie alla collaborazione con l’Amministrazione e l’Azienda Punto Ristorazione. Le scuole coinvolte sono quelle dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado, cui si aggiunge il micronido Pollicino gestito da un’associazione di genitori convenzionata con Comune.

Per saperne di più su Tre Parchi in filiera:

Tre Parchi in filiera è un progetto di valorizzazione dei prodotti del territorio, che si propone di mettere in rete gli agricoltori locali sotto un unico “cappello” comune. Non solo per la vendita dei prodotti ma anche in vista del rilancio e della promozione di tutto il sistema agricolo, in nome della sostenibilità sociale e ambientale. È promosso da Fondazione CemLab nel ruolo di capofila, dai Plis del Rio Vallone, Molgora e Cavallera, dalla Cooperativa Demetra di Besana Brianza.

“Tre Parchi in filiera – spiegano il presidente di Fondazione CemLab e i tre presidenti dei Parchi promotori – è un progetto prima di tutto culturale che mira a gettare le basi per un nuovo rapporto tra produttore e consumatore, valorizzando il lavoro dell’agricoltore e dando maggior sicurezza all’acquirente sulle origini e sulla qualità dei prodotti comprati e consumati. Il progetto ridarà valore ai circuiti brevi di distribuzione, quelli vicini a casa come i mercati e i piccoli negozi; alternativa di qualità ai supermercati e alle grandi marche dell’industria alimentare. Oggi con il lancio del Pan del Parchi aggiungiamo un importante tassello a questo bel progetto, mettendolo concretamente a disposizione di tutti i cittadini”. 

Ad oggi sono 10 le aziende tra orticole, cerealicole e zootecniche che hanno aderito al progetto e che mettono a disposizione dei punti vendita i loro prodotti.

Per informazioni sul progetto, www.treparchinfiliera.it (anche in versione mobile)

Condividi l'Articolo: