CemAmbiente

Approvato il budget 2017 di Cem e presentate le nuove frontiere di Ecuo Sacco

Approvazione del budget 2017 da parte dei soci di Cem Ambiente Spa. Questo il tema centrale all’ordine del giorno dell’Assemblea che si è tenuta a fine dicembre 2016, presso la sede di Cavenago Brianza, località Cascina Sofia. Presente il 61,% percento circa dei Comuni soci.

L’incontro si è aperto con l’intervento del nuovo Amministratore unico Antonio Colombo che ha presentato gli obiettivi di gestione del servizio per il prossimo anno, ribadendo le stretegie chiave della società : 

Volontà di massima incentivazione della raccolta differenziata; 

• Sviluppo di formule innovative per la valorizzazione dei rifiuti;

• Rapporto qualità-prezzo dei servizi erogati sempre migliore;

• Massimo contenimento delle tariffe pagate dai soci;

• Avvio del nuovo contratto di servizio con i Comuni soci e nuovo affidamento dei servizi di raccolta rifiuti (nella seconda metà dell’anno) alla società aggiudicataria della gara.

Largo spazio, nell’intervento del neo Amministratore, al progetto Ecuo Sacco di cui si è annunciata la progressiva e costante estensione a tutti i Comuni soci.

“Per il 2017 puntiamo – ha detto Antonio Colombo – al consolidamento dei risultati ottimi ottenuti in questi primi anni di sperimentazione e delle previsioni contenute nel Piano industriale approvato lo scorso dicembre. Quello che ci attende è un’ulteriore estensione del progetto Ecuo Sacco, che nel 2017 sarà introdotto in altri 8 Comuni oltre ai 21 sui quali è attivo. In totale avremo una popolazione servita di oltre 315mila abitanti, ovvero circa il 60% del bacino CEM”.

Ma l’obiettivo principale resta il consolidamento degli standard di raccolta differenziata: “Per il prossimo anno – prosegue Colombo – puntiamo al conseguimento di una percentuale di raccolta differenziata media superiore al 77% su tutti i Comuni (oggi siamo al 74% con punte superiodi all’80% per i Comuni Ecuo Sacco) e a una produzione annua di rifiuto secco residuale più contenuta, di circa 50 kilogrammi pro capite (oggi siamo oltre 75 Kilogrammi pro capite)”. 

A conclusione di intervento, spazio ai numeri con la presentazione di una previsione di ricavi di 58 milioni di euro “valutati con la consueta ottica di prudenza gestionale” ha precisato l’Amministratore, e di costi per 57,8 milioni di euro “come previsto dalle strategie aziendali di un budget di previsione orientato al sostanziale pareggio economico”. 

Il Budget 2017 è stato approvato all’unanimità dall’Assemblea. 

Condividi l'Articolo:
[addtoany]